25 giugno, ore 21 | Teatro del Baraccano

MYSLIVEČEK

il divino boemo

Il progetto intende valorizzare il legame tra le città di Bologna, Roma e Praga, attraverso la figura del compositore Josef Mysliveček, noto in Italia come “Il divino Boemo”.

Mysliveček, nato a Praga, ebbe un rapporto strettissimo con l’Italia, in particolare con Bologna, dove studiò, come Mozart e negli stessi anni, alla Reale Accademia Filarmonica.

Dopo un’intensa carriera nei teatri italiani, terminò la sua vita a Roma, dove riposa nella Basilica di San Lorenzo.

Di Mysliveček si eseguiranno il I e II dei suoi tre Ottetti a fiati, in cui è palpabile tutta la vivacità e brillantezza della musica del Boemo, così come la ricchezza melodica e gli intrecci di dialoghi e invenzioni ritmiche fra gli strumenti musicali che sono, come mai prima e non più dopo, tutti e otto solisti allo stesso modo.

 

Tra i due Ottetti del Boemo, completa il programma l’opera forse più celebre per questa formazione, l’Ottetto in Mib maggiore di Ludvig van Beethoven, opera saldamente radicata nei suoi tempi. Il maestro lo rielaborò per Quintetto d’archi nel 1796 e fu questa la versione divulgata. La versione per fiati infatti, pur essendo del 1792 (età giovanile di Beethoven) porta il il numero di catalogo 103, quasi un’opera della maturità e fu pubblicata postuma.

Nel titolo originale vi è la dicitura "Parthia" (all’uso antico), quindi con l’intenzione, come era prassi nelle serenate per fiati del tardo-settecento, di un brillante disimpegno, dalla fresca ed immediata comunicativa e dagli attraenti giochi timbrici. Eppure si nota, rispetto agli Ottetti del Boemo, qualcosa di inedito, che tradisce una nuova sensibilità: il gusto per le sonorità piene, quasi di natura orchestrale, divagazioni armoniche e tensioni ritmiche e dinamiche che addensano il discorso e fanno presagire i futuri sviluppi sinfonici e Romantici  di Beethoven.

Il concerto sarà preceduto da una passeggiata tra i Portici di via Belle Arti e via Zamboni, guidata dal tenore Cristiano Cremonini, per il progetto “Il Teatro della Gente”.

Un itinerario nel cuore di Bologna per scoprire luoghi e cose che hanno reso grande la Città delle Arti e della Musica. 

Il percorso si concluderà al Teatro del Baraccano, dove, prima del concerto  dell’Orchestra del Baraccano, ai partecipanti sarà riservato un piccolo aperitivo, nella suggestiva cornice del Cortile del Teatro.

press to zoom
press to zoom
press to zoom

ORCHESTRA DEL BARACCANO
direttore Giambattista Giocoli

Stefano Rava, Fabrizio Oriani oboi

Giovanni Picciati, Fabio Bertozzi clarinetti

Andrea Brunati, Stefano Conti corni

Michele Zaccarini, Corrado Barbieri fagotti

MYSLIVEČEK

il divino Boemo

 concerto per ensemble di fiati

JOSEF MYSLIVEČEK (Praga, 1737 - Roma, 1781)

Ottetto n° 1 (1778) in MIb maggiore

 

durata 18 minuti

per 2 oboi, 2 clarinetti, 2 corni e 2 fagotti

 

Allegro maestoso

Larghetto un poco sostenuto

Tempo di Menuetto

 

LUDWIG van BEETHOVEN (Bonn, 1770 - Vienna, 1827)

Ottetto per fiati in MIb maggiore Op. 103 (1792)

 

durata 23 minuti

per 2 oboi, 2 clarinetti, 2 corni e 2 fagotti

 

Allegro

Andante

Minuetto

Finale: presto

JOSEF MYSLIVEČEK (Praga, 1737 - Roma, 1781)

Ottetto n° 2 (1778) in MIb maggiore

durata 14 minuti

per 2 oboi, 2 clarinetti, 2 corni e 2 fagotti

 

Allegro spiritoso

Largo, sotto voce

RONDO Allegretto

Cartolina Myslivececk 2022 FRONT.jpg
Cartolina Myslivecek 2022 RETRO.jpg

Biglietteria
passeggiata - apertitivo - concerto:
intero 25€, ridotto 20€

concerto: intero 15€, ridotto 10€

riduzioni: under 30, over 65, Card Cultura, Emil Banca, Fitel, CNA, Lions Club

Acquista biglietti