26 luglio, ore 21.15
Entroterre Festival

SOQQUADRO ITALIANO

who's afraid of Baroque?

Who’s afraid of Baroque? titolo sicuramente curioso, “preso in prestito” dal famoso testo teatrale di E. Albee “Who’s afraid of Virgina Wolf”.

 

Non è un concerto e nemmeno uno spettacolo teatrale, ma un insolito e divertente spaccato sulla musica e sulla cultura italiana del Seicento.

 

Un continuo dialogo tra antico e moderno, un raffinato gioco di fusione, volto a spaziare tra improvvisazione jazz e arte della diminuzione, tra lazzi della Commedia dell’Arte e atmosfere swing.

 

Claudio Borgianni attinge a piene mani dal repertorio musicale e letterario del Seicento, smembrandolo, deformandolo, ed infine ricomponendolo per poter tracciare i punti di continuità che ci legano a quel mondo così lontano.

 

Vincenzo Capezzuto, peculiare voce dalla tessitura rara ed indefinita, già primo ballerino ed artista poliedrico è “la voce e il corpo” di questo progetto, sempre in bilico tra espressività colta e immediatezza popolare.

 

Who’s afraid of Baroque? coinvolge lo spettatore in un’atmosfera di magica emozionalità, guidandolo verso la riscoperta di un secolo talmente lontano e complesso da svelarsi ai nostri sensi in tutta la sua straordinaria e semplice modernità.

Soqquadro italiano
Soqquadro italiano
Vincenzo Capezzuto1
Vincenzo Capezzuto1
Soqquadro-Italiano_SLIDER01-800x375
Soqquadro-Italiano_SLIDER01-800x375

Vincenzo  Capezzuto voce
 

Ensemble Soqquadro Italiano

Francesco  Tomasi tiorba e chitarra barocca

Marco Forti contrabbasso

Leonardo Ramadori percussioni

 

Claudio Borgianni concept e direzione artistica

Biglietto unico 10€